DENTRO LA CRONACA – Mentre si celebrano i funerali del papà di Maria Liguori, i carabinieri indagano sulla vita di Formicola. Sgarro ai clan o matrice personale dietro all’esecuzione di San Giorgio a Cremano in cui ha perso la vita il meccanico

Mentre si celebra la cerimonia funebre di Enzo Liguori, il papà di Maria cronista de Il Mattino finito nel fuoco di camorra che voleva morto Luigi Formicola, ancora senza volto e senza nome i due killer, che hanno agito viaggiando su una potente moto (non è stata ancora ritrovata) e che viaggiavano con il volto coperto da caschi integrali. Da dove venivano? E da chi hanno ricevuto l’ordine di freddare Formicola?

Continua a leggere

LUTTO CITTADINO – Stamattina i funerali di Enzo Liguori: lutto cittadino in due comuni. Chi sa parli! Intanto i carabinieri indagano sulla vita di Luigi Formicola, il vero obiettivo dell’agguarto di camorra

Si svolgeranno stamattina, alle ore 11.00, nella chiesa di San Giacomo Apostolo a Pollena Trocchia  i funerali di Vincenzo Liguori, il meccanico 57enne vittima innocente a San Giorgio a Cremano di un agguato e papa’ di Mary, collaboratrice de ‘Il Mattino’ di Napoli che ha scoperto la sua morte proprio mentre stava seguendo per lavoro la vicenda di cronaca.

Continua a leggere

NAPOLI ITALIA – La settimana prossima la presentazione dell’atesissimo libro dell’ex Governatore della Regione ed ex sindaco di Napoli Antonio Bassolino

Due mandati a sindaco di Napoli, altrettanti da governatore della Campania. Il sogno del cosiddetto Rinascimento napoletano: Antonio Bassolino si racconta in «Napoli Italia», il libro in imminente uscita dall’editore Guida (nella foto, la copertina).

Continua a leggere

EMERGENZA SANITA’ – Tagliati i fondi per 50 bambini ammalati di Aids

C’è da vergognarsi. Cinquanta bambini ammalati di Aids sono senza assistenza in seguito alla scadenza del contratto del medico ‘precario’ che si occupava di loro al Policlinico di Napoli. E’ quanto scrive il quotidiano Il Mattino. Dopo la sospensione delle attivita’ di day hospital e degli interventi domiciliari, l’unica possibilita’ che resta per poter continuare le cure e’ quello del ricovero d’urgenza.

Continua a leggere

PER NON DIMENTICARE – Incontri e dirette radio per non dimenticare Giancarlo Siani: le iniziative di www.radiosiani.it da e per Ercolano (e non solo)

Giancarlo rivisto dal writer Raffo, sui muri dell'hinterland

ERCOLANO – Un incontro con i ragazzi e un albero d’ulivo per ricordare Giancarlo Siani, giovane pubblicista napoletano ucciso dalla camorra. Il 23 settembre 1985, quattro giorno dopo aver compiuto 26 anni, Giancarlo fu ucciso sotto casa, all’interno della propria Mehari. La sua condanna a morte fu decretata con la pubblicazione dell’articolo del 10 giugno 1985, in cui venivano raccontate le modalità con le quali i carabinieri erano riusciti ad arrestare Valentino Gionta, boss di Torre Annunziata.

Continua a leggere

IL LIBRO – “Giornalista”, il trattato di Lino Zaccaria per la professione e per capuire cosa fanno i giornalisti

Un libro scritto per i giornalisti, ma pensato per tutti i cittadini che vogliono conoscere le complesse dinamiche che agitano il mondo dell’informazione. Questo e molto altro si può trovare nel volume «Giornalista» appena pubblicato, per i tipi delle Edizioni Simone, dal giornalista Lino Zaccaria, già redattore capo del Mattino di Napoli e vice direttore del quotidiano «La Discussione». La pubblicazione, frutto di una lunga ed intensa attività di ricerca condotta dall’autore in quarant’anni e più di onorata carriera, si presta a diventare un valido vademecum per affrontare l’esame di idoneità professionale ai fini della iscrizione nell’elenco dei professionisti, ma anche una guida semplice e chiara alla comprensione di una serie di discipline (teoria e tecnica della comunicazione, diritto pubblico, penale, processuale, norme contrattuali e previdenziali concernenti la stampa e deontologia professionale) che possono interessare un po’ tutti.

Continua a leggere

VOTO DI SCAMBIO – Dopo le inchieste de Il mattino, partono le indagini della Procura.

Dopo l’inchiesta del Mattino sul voto di scambio a Napoli, si muove la Direzione distrettuale antimafia: acquisito il risultato delle urne, gli investigatori appuntano i controlli su sei quartieri ad alto rischio di infiltrazione criminale.

Continua a leggere