TRA PASSATO E FUTURO – Bicentenario del Commercio e dell’ Imprenditoria, patto di responsabilita’ con le imprese che devono mettersi in regola

SANT’ANASTASIA – «Una moratoria di 36 mesi per permettere alle imprese di regolarizzare la propria posizione senza mettere a rischio l’attività imprenditoriale».  E’ l’offerta di un  patto di reciproca responsabilità che il sindaco Carmine Esposito (Pdl) lancia agli operatori economici «per salvaguardare i livelli occupazionali e, nello stesso tempo,  accompagnare la graduale dislocazione delle attività nelle aree compatibili con le previsioni urbanistiche oggi  vigenti». Di questo e altro si discuterà nella tavola rotonda su Commercio e  Imprenditoria, organizzata  a palazzo Siano, sala consiliare, stasera alle ore 19:00 (“Commercio: quale futuro per Sant’Anastasia?”) e sabato 15 alle ore 10:30 (“L’impresa: quale opportunità?”) nell’ambito delle manifestazioni per il Bicentenario di Sant’Anastasia.

Continua a leggere

Annunci

MICROCREDITO E INTEGRAZIONE – Una tavola rotonda a Somma Vesuviana per il futuro organizzata da Finetica Onlus

SOMMA VESUVIANA – Si è tenuto presso il Salone delle Assemblee del Banco di Napoli in Via Toledo, il convegno sul tema “Immigrazione, Sicurezza, Microcredito, Integrazione”.

Continua a leggere

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Un interessante intervento di Polis Democratica sull’escalation del fenomeno usura, soprattutto in Campania

SOMMA VESUVIANA – La maglia nera del rischio usura Va alla Campania E  IN PROVINCIA DI NAPOLI; seguono A RUOTA Calabria, Puglia e Sicilia; IL Nordest, invece, E’ l’area meno interessata daL FENOMENO! Rispetto ad un indicatore nazionale medio pari a 100, il “tasso di usura” rilevato in Campania, a cui spetta la maglia nera, è di 173 (pari al 73% in più della media Italia), in Calabria 161 (61% in più rispetto la media Italia), in Puglia 144 (44% in più della media Italia) e in Sicilia 143 (43% in più della media Italia). Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Veneto e il Trentino Alto Adige infatti, sono tra le regioni italiane quelle meno interessate dalla piaga dello “strozzinaggio”.

Continua a leggere