EMERGENZA RACKET – A San Giorgio a Cremano una bomba carta fa esplodere l’ingresso di una fumetteria, indaga la polizia

SAN GIORGIO A CREMANO – Un ordigno rudimentale è esploso la scorsa notte davanti alla fumetteria ‘Bai-Ji store’ in via Buongiovanni a San Giorgio a Cremano. Sull’episodio sono in corso indagini della polizia. Ignoti hanno posizionato la bomba carta che nell’esplosione a provocato la rottura della saracinesca, il danneggiamento dell’insegna luminosa e danni lievi al muro.

Continua a leggere

Annunci

RAID AL RISTORANTE – Arrestato un altro uomo del clan Sarno per il raid al ristorante del Pino, a seguito della lite tra i bambini

I carabinieri della compagnia di Mondragone hanno catturato a Castel Volturno, in esecuzione di un provvedimento del Tribunale di Napoli, Carmine Olivieri, di 45 anni, di Cercola, ritenuto affiliato al clan Sarno, operante della zona di Ponticelli, che insieme con altri complici già arrestati, il 26 settembre scorso, aggredirono e rapinarono alcune avventori del ristorante Il Pino, a Cercola.

Continua a leggere

GOMORRA NELL’AREA EST – Arrestate le donne del clan, in manette le donne dei boss del clan Aprea di Barra

BARRA – Il clan in mano alle donne e gli arresti. Dopo la caduta (causa faide e pentimenti) del clan sarno di Ponticelli, l’unico cartello criminale in grado di gestire le sorti dell’area orientale entrando anche in provincia era il clan Aprea di Barra. Dopo la morte del boss Alberto (avvenuta per un grave malattia che ne aveva decretato anche la scarcerazione ultimamente) il clan che fa capo alle famiglie Cuccaro e Aprea aveva via libera non solo nella città dei Gigli.

Continua a leggere

IN DIFESA DELLA LEGALITA’ – Nasce “Magna Grecia” l’associazione che difenda i diritti e la legalità nel Mezzogiorno

Nasce a Napoli su iniziativa di un gruppo di giovani professionisti, tra giornalisti, avvocati, ecc. l’Associazione onlus “Magna Grecia” che ha l’obiettivo ambizioso di difendere e diffondere la legalità in Campania e nel Mezzogiorno d’Italia.

Continua a leggere

LE RIVELAZIONI DEL PENTITO – Peppe Misso (‘o nasone) il boss del rione Sanità avrebbe garantito la pax tra i clan per la “quiete” pubblica in arrivo di grossi appalti e partite di droga. L’ex ras che dichiarò guerra all’Alleanza di Secondigliano, smentisce tutto

Tra i “Leoni di marmo” che presidiano il Duomo di Napoli è cresciuto è da lì ha iniziato la sua carriera criminale. Da “semplice” rapinatore, fino a scalare il gotha del “sistema” camorra. Oggi alcune dichiarazioni di pentiti (secondo la magistratura, più che attendibili) al boss del rione Sanità Giuseppe Misso fu chiesto di mettere fine alla guerra tra i clan in quanto “c’era la necessità che nella città di Napoli non ci fossero scontri diretti tra le organizzazioni camorristiche o faide eclatanti perché c’erano in corso procedure per opere pubbliche importanti” e “soprattutto le istituzioni non dovevano essere ‘insidate'”.

Continua a leggere

GAMBIZZATO UN OPERAIO – A San Giorgio a Cremano, ai confini con Barra, la camorra spara contro un cantiere edile e ferisce un operaio

Un operaio di 38 anni è stato ferito da un colpo di arma da fuoco ad una gamba mentre eseguiva lavori di ristrutturazione per una ditta edile. Il fatto è avvenuto in piazza Sant’Agnello al confine con Barra.

Continua a leggere

AMMINISTRAZIONI CONTRO – La giunta retta da Francesco Pinto in aula contro i clan Arlistico-Terracciano, Orefice e Sarno: “per i danni provocati dalla presenza delle associazioni camorristiche alla città, allo sviluppo e alle attività produttive del territorio”

POLLENA TROCCHIA – L’amministrazione retta da Francesco Pinto, si dichiara parte civile al processo contro i clan Arlistico -Terracciano, Orefice e Sarno, operanti in città. 

Continua a leggere