ARRIVA LA BEFANA – Niente carbone ai bambini ricoverati negli ospedali napoletani, grazie alla Befana dell’Enel

”Un giocattolo per un sorriso, un sorriso per la vita”: questo lo slogan con il quale i dipendenti Enel di Napoli, in collaborazione con l’Associazione di donatori volontari di sangue ”L’albero Rosso”, vogliono essere vicini, come informa una nota, ”ai bambini ricoverati nel reparto di Talassemia pediatrica e in generale ai tutti i piccoli ricoverati nel reparto di pediatria dell’ospedale Cardarelli”.  

Per tutto il mese di dicembre sono stati raccolti pelouches, libri, dvd e cd, bambole secondo le spontanee donazioni dei dipendenti Enel di Napoli che hanno voluto ”regalare una giornata di divertimento ai bambini ricoverati”. Mercoledi’ 5 gennaio, alla vigilia dell’Epifania, un gruppo di dipendenti dell’Enel fara’ visita ai bambini dell’ospedale per consegnare i doni e vivere insieme un pomeriggio di festa. L’iniziativa nata, si rileva, ”da una collaborazione concreta e fattiva fra il gruppo di dipendenti donatori di sangue, coordinato da Giovanni Casini, e i dipendenti delle aree piu’ svariate (tecnici,  personale, comunicazione) esprime i valori della solidarieta’ e la responsabilita’ verso la collettivita’ che hanno sempre orientato lo spirito aziendale in Enel”.  Il reparto di pediatria diretto dal dottor Aldo Filosa e’  stato scelto per questa iniziativa ”perche’ – e’ scritto nella nota – rappresenta il tentativo riuscito di concepire in modo nuovo il rapporto fra medico e malato, fra ospedalizzazione e vita infantile”.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it