IL DRAMMA – Dominique si era sposata agli inizi di dicembre, per dare alla luce Mario. Il parto va bene, ma poi le condizioni della diciottenne si complicano: sulla morte indaga la Procura di Nola

OTTAVIANO – Dominique Casapulla, appena 18 anni, è deceduta mercoledì 29 dicembre, a Napoli, dopo la nascita di Mario, il suo primogenito. Ricoverata da lunedì scorso nella casa di cura Trusso di Ottaviano per dare alla luce il bambino con un parto cesareo programmato per martedì mattina, dopo la nascita, Dominique e Mario erano in buone condizioni.

 Nel pomeriggio i primi mal di testa e difficoltà nel respirare,e in poco tempo le sue condizioni sono peggiorate notevolmente: tra alti e bassi i familiari sono stati congedati, ma una tac effettuata verso le 22 di sera ha evidenziato un’embolia polmonare. Dominique era ricoverata da lunedì scorso nella casa di cura Trusso di Ottaviano, un ricovero programmato per dare alla luce il suo bambino. Il parto cesareo, avvenuto martedì mattina, sembrava di normale routine. Verso mezzogiorno è nato Mario, il primogenito di Francesco Mainenti e Dominique Casapulla. Mamma e figlio erano in buone condizioni, ma le complicazioni erano in agguato. La ragazza nel primo pomeriggio ha iniziato ad avvertire i primi problemi, forti mal di testa e difficoltà respiratorie e man mano che passavano le ore le sue condizioni peggioravano sempre di più. In serata, come hanno raccontato i familiari, i medici della clinica hanno cominciato a parlare di un trasferimento in un ospedale con strutture rianimative. In nottata il trasferimento è diventato essenziale e i medici hanno avvertito il marito e la famiglia dell’imminente arrivo di un’ambulanza attrezzata. Tre le possibili mete per salvare la ragazza e alla fine si è optato per l’ospedale Cardarelli di Napoli. Dominique Casapulla è arrivata a Napoli mercoledì in mattinata. Un caso da codice rosso con trasferimento immediato in sala di rianimazione. Ma la 18enne è arrivata nell’ospedale più grande del mezzogiorno già in condizioni disperate. Solo a mezzanotte si è deciso il trasferimento all’ospedale Cardarelli di Napoli. Arrivata a Napoli mercoledì e portata immediatamente in sala di rianimazione purtroppo Dominique è spirata intorno alle 12.00, un giorno dopo aver dato alla luce il suo piccolino. I medici del Cardarelli ritengono che la giovane sia morta per l’embolia polmonare con conseguente arresto cardiocircolatorio. Dopo la denuncia da parte dei familiari, è stata avviata un’inchiesta e disposta l’autopsia per accertare le cause e le eventuali resposabilità. Dominique si era sposata all’inizio di dicembre con un suo coetaneo: descritta dagli amici come una ragazza solare, come tutte le neo mamme non aspettava altro che abbracciare e coccolare suo figlio: purtroppo non ne ha avuto il tempo.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it