PER NON DIMENTICARE – A Somma Vesuviana il tributo a Giovanni Coffarelli

SOMMA VESUVIANA – Si è svolta stasera presso il Teatro Arlecchino della città campana la manifestazione in ricordo di Giovanni Coffarelli, testimone unico nel suo genere della cultura popolare vesuviana.

Alla kermesse organizzata dagli amici storici, dall’Ente Parco Nazionale del Vesuvio e dalla Città di Somma Vesuviana hanno preso parte molte Paranze dell’hinterland napoletano e un grande artista come Eugenio Bennato, da sempre vicinissimo alle tradizioni che meglio rispecchiano e conservano la nostra identità culturale. Sul palco i gruppi artefici della “traditio” delle musiche e dei canti che caratterizzavano, scandendolo, il tempo di lavoro e festivo dei nostri antenati; una serata di tanta buona musica che ha visto un pubblico estasiato nel ricordo di Giovanni e, attraverso la sua figura, delle tradizioni. Tra le tante paranze ad esibirsi anche una rappresentanza della Paranza Vesuvius di Angelo Iannelli, nell’occasione purtroppo orfana del loro leader il grande Marcello Colasurdo, anch’egli emblema al pari di Coffarelli delle armonie popolari. Il re della tammorra, impossibilitato a partecipare, non ha voluto far mancare il suo omaggio attraverso il presidente e direttore artistico del gruppo Angelo Iannelli, il vicepresidente e cantore Carmine Grimaldi e il maestro sassofonista Stefano Salvadore, che sono stati artefici di un magico finale improvvisato nel quale hanno suonato ed entusiasmato accompagnando il grande Eugenio Bennato con ritmi e sonorità dal sapore antico. Un finale che fa presagire ad atmosfere e continuazioni ideologiche future nel nome di Giovanni e della popolarità mai dimenticata.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it