ECONOMIA SOSTENIBILE – Al centro di Napoli nasce la Coop: spazio ai produttori locali e ai prodotti “libera” contro le mafie

Duemiladuecento metri quadrati, 93 dipendenti e 117 produttori locali. Questi i numeri del nuovo supermercato della Coop, il primo in citta’ a Napoli, che a pochi passi dalla stazione centrale occupa il primo piano di un edificio fino a qualche anno fa fatiscente e simbolo di degrado. Il supermercato sara’ inaugurato domani e rappresenta un punto di rilancio della Coop in Campania e nel sud Italia.

Il punto vendita di via Arenaccia, con un investimento di circa 3 milioni di euro, si aggiunge ai quattro gia’ esistenti nella regione ma con nuove strategie per invogliare l’uso dei prodotti locali. ”Abbiamo deciso di collegare il territorio alla nostra filiera – dice Carmelo Nani’ direttore divisione Ipercoop Campania – sono infatti 117 i produttori locali ormai nostri fornitori, si va dalla pasta al sugo, dai prodotti di pasticceria a quelli dell’orto. Il tutto per rispettare la filosofia del chilometro zero e per esaltare i prodotti locali con un giro d’affari annuo di circa 15 milioni di euro”. Il punto vendita, come tutti i supermercati Coop, ha inoltre abolito l’uso dei sacchetti di plastica puntando all’utilizzo delle ecobuste o di sacchetti di mais. Risparmio energetico e attenzione all’ambiente rappresentano dunque una scelta concreta per la Coop in Campania. All’interno del supermercato si fara’ la panificazione e oltre all’angolo del freso con pesce e carne ci sara’ una vasta scelta di prodotti biologici. E per Natale approderanno alla Coop anche i prodotti a marchio Libera.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it