LA MUSICA CHE GIRA INTORNO – Nonostante i tagli alla cultura, parte il Nick La Rocca Jazz Festival e Villa Bruno si colora di Blues

Ancora una volta l’impegno del Comune di San Giorgio a Cremano insieme all’agenzia Sap ha superato i limiti posti dal taglio netto a tutte le attività culturali imposto dalla Regione Campania.

Centinaia di appassionati del jazz sono rimasti con il fiato sospeso, fino a quando, a dimostrazione del suo spiccato  senso di responsabilità, il sindaco, Mimmo Giorgiano assieme all’organizzazione comunale ha deciso di sopperire alla mancanza di finanziamenti esterni, confermando l’ appuntamento tanto atteso con la musica Jazz «La missione del Festival – chiarisce il sindaco – è dare un palco al jazz e, in generale, alla musica prodotta in Italia offrendo più respiro agli artisti della Campania». E così, con un po’ di ritardo ed una giacca in più sulle spalle l’ottava edizione del Nick La Rocca Jazz Festival è ai nastri di partenza con i motori al massimo. Mancano poche ore alla prima serata dedicata alla buona musica jazz, che quest’anno accoglierà i gruppi più noti del panorama blues made in Italy, in una location ancora più accogliente e suggestiva, l’ex fonderia Righetti di Villa Bruno. I gruppi più noti del panorama blues italiano, sotto la direzione artistica di Lino Volpe, si susseguiranno per quattro intense serate, 20,22,23 e 24 Ottobre, l’inizio è previsto alle ore 21 e l’ingresso per i concerti sarà  gratuito. Darà il via alla kermesse dipinta di blues, mercoledì 20 ottobre, il batterista vesuviano Carmine Finizio, che presenterà il suo ultimo progetto in stile live-club “Benchmark_49” di cui è compositore, arrangiatore e musicista. «Ho voluto dare vita a 7 brani da 7 minuti (= 49) – spiega Carmine Finizio – nei quali si avvertono i riferimenti (benchmark) a musicisti e a stili che hanno influenzato per trent’anni, con ironia, la mia vita musicale».

A seguire, molteplici colori musicali accompagneranno la performance del giovane chitarrista Gennaro Porcelli, attuale chitarrista della band di Edoardo Bennato, che ha rielaborato per l’occasione alcuni classici del blues con il suo inconfondibile stile.

Cristina Coppa

redazione@loravesuviana.it