LA DENUNCIA DA PARTE DI UN CITTADINO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – A chi compete rimuovere questi resti dell’albero abbattuto da oltre 15 giorni in Via Cavour, piazzale case popolari? Possibile che in 15 giorni nessun vigile sia passato per Via Cavour?  La polizia e la politica possono esistere senza la camorra ma la camorra non può esistere senza la polizia e la politica!…

Saluti, Raffaele Di Tuoro

redazione@loravesuviana.it

Annunci

IL PREMIER E LA MUNNEZZA – Berlusconi ad Acerra con Bertolaso e Stefano Caldoro: “Un altro inceneritore e giuro: via i rifiuti in tre giorni”

ACERRA – «Fra tre giorni a Napoli non ci saranno più rifiuti». Lo ha detto il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso della conferenza stampa tenuta dopo aver visitato il termovalorizzatore di Acerra. «Questa mattina – ha aggiunto – abbiamo fatto un buon lavoro e posso dirvi che fra tre giorni le 2.500 tonnellate di rifiuti che esistevano a Napoli quando ci siamo presi la responsabilità come governo di intervenire, non ci saranno più».

Continua a leggere

SULLA QUESTIONE FIAT – Il consigliere regionale de la Destra Carlo Aveta, bacchetta la Fiat: “Devono stare dalla parte della gente, senza gli aiuti del Governo e quindi dei contribuenti, la Fiat avrebbe chiuso

“La Fiat dovrebbe ringraziare l’Italia”. E’ quanto afferma il consigliere regionale de ‘La Destra’ Carlo Aveta in merito alle dichiarazioni dell’amministratore delegato del Lingotto Sergio Marchionne. “L’azienda torinese dovrebbe mostrare lo stesso senso di responsabilità che hanno avuto gli operai Fiat di Pomigliano d’Arco. Marchionne parla che senza l’Italia la Fiat farebbe di più, ma dimentica che se la Fiat negli anni è diventata una multinazionale lo deve esclusivamente agli aiuti ricevuti con i fondi pubblici”. “Senza questi fondi – sottolinea Aveta – l’azienda sarebbe già fallita. Gli utili, poi, dei quali Marchionne si vanta sono stati sempre divisi tra i soci, mentre il riparto delle perdite, tra debiti e cassa integrazione, ha gravato interamente sulla collettività. E’ fondamentale, in questo senso, che dopo la deroga al contratto nazionale firmata per lo stabilimento di Pomigliano, la Fiat pensi anche ad una ripartizione degli utili tra i dipendenti dell’azienda, in modo da far partecipare anche i lavoratori alla gestione della stessa.

Continua a leggere

SPAZI CIVILI – A San Giorgio a Cremano il nuovo “Parco dell’anima” per camminare, per giocare e per vivere la città

SAN GIORGIO A CREMANO – Sarò inaugurato sabato mattina alle 10.30 il nuovissimo “Parco dell’anima” in via Giacomo Brodolini.  Il parco sarà consegnato alla città dopo che i lavori, iniziati in estate, sono stati compiuti a tempo di record.

Continua a leggere

PROGETTO BAMBINO – “La musica del latte”: genitori e bambini assieme per suonare e divertirsi con la musica

Bambini, mamme e/o papà giocano con la musica coinvolti da una metodologia attiva ed esperenziale fatta di suoni, vocalità, movimento creativo, gioco, silenzio, ascolto. L’apprendimento del linguaggio musicale avviene attraverso la proposta dal vivo, senza l’uso di musiche registrate, di ritmi e melodie in vari modi, metri e stili musicali che i bimbi possono assimilare ed elaborare con le proprie modalità.

Continua a leggere

CONTRO LA CAMORRA – A Ercolano i commercianti denunciano il racket e si costituiscono parte civile contro i clan Ascione-Papale e Birra-Iacomino

ERCOLANO  – Ventitré commercianti vittime di estorsioni si sono costituiti parte civile nell’udienza preliminare, che si svolge davanti al gup Marcella Suma (che ha accettato la «costituzione»), nella quale sono imputati 41 presunti affiliati alle cosche ercolanesi Iacomino-Birra e Ascione-Papale. Analoga richiesta è stata avanzata dal Comune di Ercolano e dalle associazioni Sos impresa ed Ercolano per la legalità.  

Continua a leggere

Massa di Somma. Polemiche sul PUC. Lettera del consigliere Pd Raffaele Savarese

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviataci dal consigliere comunale del Pd di Massa di Somma Raffaele Savarese, a seguito dell’ultimo consiglio comunale.

In qualità di consigliere di maggioranza, mi sono assunto la responsabilità di non infierire nei confronti della mia amministrazione. Ma c’è una cosa che mi ha colpito profondamente, dopo l’intervento dell’assessore Nocerino ripreso a microfono spento dal consigliere Vicedomini, ( l’abbandono poi da parte dello stesso, del consiglio comunale senza neppure replicare, è stato un gesto di totale rinuncia al suo ruolo di opposizione e mi sono completamente oscuri i motivi di tale comportamento). Continua a leggere