CACCIA APERTA – Gli inquirenti cercano i napoletani che giocano on-line con le carte di credito clonate

Caccia alla banda del poker on line che clonava le carte di credito per poi svuotarle sui siti di scommesse e giochi che si trovano su Internet. È la nuova tecnica dei pirati del credito, truffatori specializzati nella duplicazione dei codici delle carte di pagamento.

Quando le vittime scoprono che i loro conti sono stati «alleggeriti», di solito è già troppo tardi. Durante l’estate il fenomeno è cresciuto, con un vero e proprio record di denunce. Sono già scattate le indagini della Polizia postale e della Guardia di finanza. Molte ricariche sulle card di pagamento sono state bloccate e sono in corso accertamenti per ricostruire con precisione i movimenti di denaro. Le società autorizzate al gioco «on line» stanno già collaborando con gli inquirenti e prestano la massima attenzione alle ricariche eseguite, segnalando i casi sospetti. L’obiettivo è di prevenire le truffe evitando che il fenomeno dilaghi.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it