LA RIVINCITA DELLO STATO – Il Consiglio Comunale delibererà sulla nuova Caserma dei Carabinieri.

SANT’ANASTASIA – Sarà il Consiglio Comunale a dover dare la speranza di risolvere l’annosa questione della Caserma dei Carabinieri. L’area individuata in via Libero Grassi  cuore della città, ben servita da strade, dalla statale 269 e 162 dir nonché a pochi chilometri dalle autostrade, dovrà passare dalla proprietà comunale a quella del pubblico demanio. E stavolta dovrebbe essere fatta.  Il Consiglio comunale dovrà prendere l’impegno a trasferire l’area allo Stato, modificando il PRG, e, divenuta statale, su quell’area sarà costruita la nuova Caserma.

 Un iter concordato con il Sindaco, Carmine Esposito,  che fin dalla campagna elettorale si è detto favorevole a dotare il paese di una Caserma più grande e completa di alloggi ufficiali. Il Provveditorato potrà così inserire nel proprio programma la costruzione di una “Stazione Media” in Sant’Anastasia, con caratteristiche gradite anche all’Arma. “La Caserma dei Carabinieri si deve fare e metteremo il suolo a disposizione proprio per questo. L’attuale stazione CC è di proprietà privata, il fitto è a carico del comune, è piccola e ormai non più adatta  alle esigenze. Voglio risolvere la questione definitivamente. Chiaramente – afferma il Sindaco, dott. Carmine Esposito – ci aspettiamo un miglioramento del servizio alla città e carabinieri in condizione di lavorare meglio e in una struttura moderna e sicura per tutti”. L’Arma dal canto suo, con la moderata ma insistente richiesta del Comandante della stazione locale, Fernando De Solda, ha manifestato la necessità e l’opportunità di avere una nuova Caserma a Sant’Anastasia e confida che questa volta, dopo tante passate trattative andate in fumo, sia la volta buona. Anche perché, da poche unità del passato, attualmente vi sono 23 Carabinieri in pochi locali, che con immaginabili difficoltà assicurano il controllo del paese 24 ore su 24.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Advertisements