IL RILANCIO DELL’AREA ORIENTALE – Nasce “Naplest” e dietro via Brin (oggi regno di droga e prostituzione) vedrà la luce la Città del Libro. Alla presentazione il ministro degli Interni Roberto Maroni

Napoli orientale, al via i progetti di riqualificazione dell’area, la cui vocazione un tempo era industriale: sono coinvolti diversi imprenditori, personaggi del calibro dell’ex numero uno di Confindustria Antonio D’Amato e dell’ex presidente dei costruttori partenopei Ambrogio Prezioso.

Il tutto in particolare in una strada, via Brin, precisamente al civico 69. “Naplest”, così si chiama il progetto che prevede nuova ricettività turistica con il marchio Ibnis del gruppo Accor e un nuovo hotel dell’Immobiliare Ponticelli il cui presidente è Costanzo Jannotti Pecci; nascerà la “Città del libro”, che coinvolge ventisei piccole e medie aziende legate al mondo della comunicazione e dell’editoria, ci saranno anche colossi come Q8 ed Eni; oltre a un comitato promotore, Naplest ha già anche un suo marchio. Al convegno di presentazione, la cui organizzazione è stata affidata a giornalista Enrico Cisnetto, specializzato in temi di economia, parteciperà tra gli altri il ministro dell’Interno Roberto Maroni; in serata, Naplest “traslocherà” a Pompei, dove, nel ritrovato Teatro Grande degli Scavi, si esibiranno l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e il maestro Riccardo Muti.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci