GLI EQUILIBRI IN CASA TAMMARO – Slitta la seduta di Consiglio per l’approvazione del cambio allo Statuto che permetterebbe (la legge n. 267 del 2000 lo vieta) al sindaco di essere anche Presidente del Consorzio Cimiteriale

CERCOLA –  Rinviata a data da destinarsi la seduta di consiglio comunale che doveva tenersi stasera alle ore 19. All’ ordine del giorno la modifica dell’ articolo 38 dello Statuto Comunale che dichiara incompatibili le cariche di sindaco e presidente del consiglio d’ amministrazione del consorzio cimiteriale, in quanto questo è un ente sottoposto al controllo del Comune. “Lo Statuto è vecchio e va rivisto nella sua globalità”  aveva detto il sindaco Pasquale Tammaro- che attualmente ricopre entrambe le cariche- nel corso dell’ ultimo consiglio comunale scatenando le perplessità dell’ opposizione. La modifica non aveva ottenuto i voti favorevoli dei 2/3 del consiglio comunale e l’ amministrazione si era proposta di farla rivotare quanto prima. Irrintracciabile il vice- presidente del consiglio comunale, il consigliere del Pdl Alfredo Tammaro, per chiarire le cause del rinvio.

 La modifica, se dovesse passare, violerebbe la legge n. 267 del 2000: “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”. Al comma 5 dell’ articolo 78 si legge: “Al sindaco ed al presidente della provincia, nonché agli assessori ed ai consiglieri comunali e provinciali e’ vietato ricoprire incarichi e assumere consulenze presso enti ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza dei relativi comuni e province”. Non soltanto lo statuto comunale, dunque, ma anche una legge nazionale impedisce al sindaco di essere contestualmente a capo dell’ amministrazione comunale e del consiglio d’ amministrazione del consorzio cimiteriale.

Ilaria Campanile

redazione@loravesuviana.it

Annunci