RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – I chiarimenti del Comitato regionale campano pro referendum dell

SAN SEBASTIANO AL VESUVIO – Sul mensile d’informazione “L’ora Vesuviana” – Maggio 2010 – pag. 16, la giornalista Roberta Migliaccio, annunciando la nascita a San Sebastiano al Vesuvio del gruppo dei Giovani Democratici, attraverso le parole “del leader” Gianluca Sannino, riporta la falsa notizia che attribuisce ad essi “l’avvio della raccolta firme contro la privatizzazione dell’acqua”.

La raccolta delle firme per i 3 quesiti referendari, proposti dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, per fermare la privatizzazione dell’acqua, aprire la strada della ripubblicazione dell’acqua ed eliminare i profitti del bene comune acqua, è stata avviata il 25 aprile a San Sebastiano al Vesuvio dal COMITATO PRO REFERENDUM ACQUA di SAN SEBASTIANO AL VESUVIO, costituito da comitati, associazioni e realtà sociali e culturali del territorio, ma al quale non aderiscono come promotori le forze politiche. Questo è avvenuto per i Giovani Democratici ed anche per altri, come, ad esempio, Rifondazione Comunista. Alcune forze politiche stanno sostenendo, anche in modo entusiasta, il Comitato, ma è necessario che si riconosca sempre che la campagna contro la privatizzazione dell’acqua, così come la raccolta delle firme, nasce e resta un momento di esercizio di cittadinanza attiva e di affermazione dei diritti indipendente da tutte le forze politiche. Come già trasmesso in un precedente comunicato, si ricorda che “questa è una causa che ci unisce tutti, una causa per la difesa di un bene comune, di un diritto inalienabile per la vita di tutti. Come l’acqua, questa causa non ha colore, appartiene a tutti noi”.

Vincenzo Benvenuto

COMITATO REGIONALE CAMPANO PRO REFRENDUM ACQUA

Referente di San Sebastiano al Vesuvio per la campagna referendaria

Annunci