DENTRO L’AMMINISTRAZIONE – L’assessore al Bilancio di Pollena Trocchia illustra le linee programmatiche del documento di governo

POLLENA TROCCHIA – Data la sempre più crescente ed attuale richiesta d’informazione e trasparenza che i cittadini continuamente presentano a chi oggi giorno si trova ad amministrare la res publica, ed in modo particolare data la sempre più crescente necessità di conoscere come vengono allocate e gestite le risorse economiche messe a disposizione dalla collettività mediante il sistema di contribuzione, Le sarei grato se volesse pubblicare questa mia relazione al bilancio di previsione dell’anno 2010 del Comune di Pollena Trocchia, che vuole essere strumento di conoscenza dei dati contabili del bilancio in questione, per tutti coloro che ne fossero interessati. (per la consultazione della relazione al bilancio redatta dal dott. Giacomo Scognamiglio, dati gli spazi, rimandiamo alla consultazione del nostro quotidiano on line: www.loravesuviana.it). L’Amministrazione Comunale con delibera di G.C. 91 del 26/04/2010 ha approvato lo schema di bilancio di previsione per l’anno 2010 da sottoporre all’approvazione del consiglio comunale, programmando una previsione di entrate per un ammontare complessivo di € 16.681.777,00.

Le suddette entrate complessive derivano da: imposizione tributaria (ICI, TARSU, ecc.) € 3.802.000; tali entrate rappresentano quelle che l’Ente provvede a reperire direttamene attraverso il prelievo coattivo per mezzo delle imposte, delle tasse comunali e dei tributi speciali (a riguardo c’è da sottolineare che l’amministrazione in carica applica ancora le tariffe approvate nell’anno 2007, evitando qualsiasi tipo di aumento della pressione fiscale); trasferimenti dello Stato ed Enti pubblici per € 2.800.314,0; esse rappresentano quella parte di entrate derivanti da contributi e trasferimenti dallo Stato, dalle Regione e da altri Enti, da utilizzare per l’erogazione di servizi rientranti nella gestione corrente dell’Ente e, per la realizzazione dei programmi politici;

fonti extratributarie per € 439.440;

proventi derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossione di crediti per € 5.413.402,00;  le alienazioni riguardano la vendita del terreno agricolo ubicato nel Comune di Carinola e le aree di proprietà dell’ente ubicate nella zona destinata all’insediamento produttivo. Mentre i trasferimenti da Enti pubblici sono destinati alla realizzazione del campo di bocce a via Esperanto e i crediti sono entrate derivanti dalle sanzioni amministrative riscosse per danni ambientali; 

accensione di prestiti, anticipazioni di cassa e assunzioni di mutui e prestiti, il cui ammontare è di € 2.693.621,00;

introiti provenienti da servizi per conto terzi per € 1.533.000,00.

A fronte delle suddette entrate si rilevano i seguenti capitoli di spesa:

spese per la raccolta differenziata e trasferimento delle singole frazioni di rifiuti, spese per la cura e la manutenzione del verde, spese lo spazzamento ecc per €.1.945.000;

spese necessarie per il pagamento degli stipendi del personale dipendente per un ammontare complessivo di €. 1.783.900,00;

spesa per il settore sociale per un importo complessivo di € 547.914,00 che consente di finanziare una serie di interventi a favore delle fasce dei cittadini meno abbienti (assistenza ai minori, assistenza domiciliare anziani, soggiorno climatico anziani,  assistenza e trasporto alunni diversamente abili, centro diurno disabili, attività estive per minori in condizione di disagio, minori sottoposti alle autorità giudiziaria, semiconvitto alunni indigenti, fornitura gratuita libri scolastici, assegni e borse di studio ecc);

spese per la pubblica istruzione per un importo complessivo di € 427.000,00; si tratta di fondi stanziati per sostenere le famiglie a basso reddito nelle quali sono presenti studenti che frequentano la scuola dell’obbligo;

spese per prestazioni di servizi pari ad €. 1.150.000 (utenze pubbliche, pulizia degli immobili comunali, servizio necroforia, servizio tesoreria, spese di lite e patrocini legali, collaborazioni esterne, indennità di carica, revisore, nucleo di valutazione, ecc.);

debiti fuori bilancio e sentenze sfavorevoli o oneri straordinari per un importo complessivo di  € 355.000;

spese per opere pubbliche per un importo complessivo di € 516.955 realizzate con fondi comunali;

Spese in conto capitale quali interventi strutturali all’immobile di Cappa Bianca, riqualificazione di Via Garibaldi, del parcheggio di via calabrese e delle strade rurali di Via san Martino e Via Vigna per un importo complessivo di €7.023.978.

Dall’analisi della suddetta relazione di sintesi si evince che l’Amministrazione in carica ha sostenuto una politica di contenimento della pressione fiscale, finalizzata ad evitare un aumento delle imposizioni sui contribuenti (mantenimento di tariffe ed aliquote già esistenti ed abolizione della COSAP relativa ai passi carrabili), ed ha destinato la fetta maggiore delle risorse disponibili per la pulizia e cura del territorio e per il sostegno delle fasce sociali più deboli.

Assessore al Bilancio e alle Attività Produttive

Giacomo Scognamiglio

Annunci