IL FURTO DELL’AUTO – Un dipendente della Napolipark ruba l’auto per fare le rapine e poi l’arrestano

Un dipendente della Napolipark, la società che gestisce i parcheggi e la sosta nelle strisce blu a Napoli, è stato arrestato con l’accusa di aver rubato, assieme ad alcuni complici, un’auto della società che avrebbe dovuto custodire.

La vettura, privata del lampeggiante e delle strisce adesive che aveva sulle fiancate, è stata poi usata per mettere a segno una rapina a Striano. Il furto è avvenuto all’interno del parcheggio P5 nel centro direzionale e il dipendente, Antonio De Magistris, di 56 anni, è stato «incastrato» da un filmato realizzato dall’impianto di telecamere a circuito chiuso: le immagini mostrano il dipendente che apre il cancello per fare uscire il complice alla guida della vettura, confabula con lui, quindi richiude. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip Nicola Miraglia del Giudice su richiesta del pm Vincenzo Ranieri. Agli atti dell’inchiesta ci sono anche alcune intercettazioni telefoniche; in una di queste, De Magistris, chiacchierando con un collega di lavoro, si informa sui rischi che corre se a casa tiene delle armi. De Magistris: «Che posso tenere a casa? Tre colpi, il pugnale… Il pugnale militare». Collega: «Va bene il pugnale, Toni, è arma bianca». De Magistris: «Sta a casa il pugnale militare». Collega: «Mica lo tieni addosso, in mezzo alla strada… Sta a casa: pure io tengo i pugnali, i coltelli, se sapessi quanti ne ho. Ma stanno a casa, però, mica sto facendo qualcosa».

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci