RIFIUTI E POLEMICHE – E’ scontro tra l’Udc e l’amministrazione Zeno, sui dati e sulla partenza della raccolta differenziata

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – L’aumento della tariffa per lo smaltimento dei rifiuti decisa dalla Provincia di Napoli suona all’orecchio dei cittadini di Massa di Somma come una beffa. Il grande senso di civiltà dimostrato, già tre anni fa, con le numerose firme  raccolte per chiedere all’Amministrazione Comunale l’avvio di un sistema di  raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani è confermato oggi dalla  stessa Amministrazione. E’ di questi giorni, infatti, un manifesto di ringraziamento ai cittadini per i risultati ottenuti. La scelta legittima, rivelatasi nei fatti deleteria, di passare ad un sistema di raccolta differenziata dei rifiuti solo quando obbligati dalla legge, pena il commissariamento del Comune, porterà per l’anno in corso un maggiore onere per le casse comunali. Tale onere sarà interamente scaricato sulla Tarsu dei cittadini. Se è vero che la Raccolta Differenziata a Massa di Somma raggiunge punte del 66%, come dichiarato dall’Assessore all’Ecologia, i Cittadini sarebbero da premiare: Si accollino, quindi, gli Amministratori il maggior costo per lo smaltimento dei rifiuti pagando di tasca propria quanto dovuto perché frutto di una sorda e poco lungimirante gestione della problematica ecologica.
Il Coordinatore del Circolo UDC “Massa di Somma”
dott.ssa Sara Castaldo

Annunci