EQUILIBRI DI MAGGIORANZA – Francesco Pinto cambia la giunta. I rumors dal palazzo vogliono fuori il vice sindaco Giovanni Onore. Al suo posto Giacomo Scognamiglio, entra De Siena e scatta il settimo assessore conteso da Luigi Esposito e Antonio Di Fiore

POLLENA TROCCHIA – Se ne parla da tempo, ormai. La diretta conseguenza del documento “contro” di parte della maggioranza retta dal sindaco Francesco Pinto, è un rimpasto in giunta, che sa un po’ di chiarimento nel gioco di forza tra le anime del Pdl locale.

A Pollena Trocchia, però, succede l’inverso di quel che sta succedendo al Governo in seno alla crisi intestina del Pdl. Sotto il Vesuvio, infatti, è il gruppo degli ex An a rappresentare il pezzo più forte del partito e il sindaco (nonostante la giovane età, da buon condottiero) dopo le elezioni fa vedere chi comanda. I rumors dal palazzo, infatti, vorrebbero già fuori (mancano solo le ordinanze sindacali per la revoca delle nomine) il vice sindaco Giovanni Onore, tra i fautori del gruppo “contro” e la sua sostituzione con Giacomo Scognamiglio, ex sindaco e assessore al bilancio. New entry in giunta Giuseppe De Siena in quota An all’interno del partito e delfino sotto il Vesuvio di Pietro Diodato. Un altro ingresso in giunta (scatterebbe il settimo assessore) se lo contendono Luigi Esposito e Antonio Di Fiore, il secondo del gruppo consiliare Noi Popolo del Sud, sempre interni al Pdl, della corrente di Fulvio Martusciello. Tutto questo mentre la città è tappezzata di manifesti a firma del Commissario cittadino dell’Udc Raffaele Di Fiore, contro l’amministrazione Pinto in quanto Pollena Trocchia risulterebbe tra i comuni non virtuosi e quindi tra quelli in cui ci sarà a breve scadenza l’aumento della Tarsu. Una notizia nella notizia è il silenzio del Pd, primo partito di opposizione, almeno sulla carta o nemmeno su quella inquanto l’ultimo manifesto dell’opposizione contro la “parentopoli” nell’affido degli incarichi del servizio civile, fu firmato coi nomi dei consiglieri, non facendo il minimo accenno ai  partiti di appartenenza.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci