COMMERCIANTI CONTRO LA CAMORRA – A Ercolano, grazie alle denunce dei commercianti i carabinieri arrestano 21 persone legate agli Ascione-Papale. Nino Daniele: “Onore e gloria a carabinieri, magistratura, polizia, guardia di finanza, associazione Antiracket”

ERCOLANO – Ventuno persone, ritenute affiliate al clan camorristico Ascione-Papale, attivo nella città degli Scavi, destinatarie di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip, sono state arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Napoli.

 Sono accusate di associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsioni aggravate. Nel corso di indagini, effettuate da gennaio a marzo e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, i carabinieri hanno accertato le responsabilità degli indagati per estorsioni ai danni di 30 imprenditori e commercianti di Ercolano, scoprendo 84 episodi estorsivi tentati o realizzati. “Grazie per il lavoro svolto e per la vostra vicinanza. Ora non bisogna abbassare la guardia”. E’ una delle frasi pronunciate dai commercianti vessati dal racket a Ercolano . In questi minuti sono numerose le telefonate di ringraziamento che stanno arrivando ai carabinieri che la scorsa notte hanno arrestato 21 presunti affiliati al clan Ascione-Papale, operante a Ercolano, destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli per associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsioni aggravate. “Onore e gloria a carabinieri, magistratura, polizia, guardia di finanza, associazione Antiracket. E’ la festa della liberazione, liberazione dalla camorra”. Lo dice Nino Daniele, presidente regionale dell’Anci, nonché vertice del Centro di Formazione ‘Fai’, che proprio a Ercolano avvierà incontri e attività con un pool di docenti sul tema della legalità. Nino Daniele, ex sindaco di Ercolano, è stato al fianco dell’Associazione Antiracket cittadina promuovendo iniziative di contrasto alla camorra e al racket. Da sindaco ha firmato due ordinanze che prevedono l’esenzione dalle tasse comunali per tre anni nei confronti di imprenditori e commercianti che denunciano tentativi di estorsione e usura.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci