SCACCO AI CASALESI – Arrestati il fratello e il papà del boss di Casapesenna Michele Zagaria. Emesse 16 ordinanze di arresto per gli affiliati al clan di Gomorra

Ormai la Procura gli sta col fiato sul collo. L’intelligence degli inquirenti è sicura che dopo il fratello e il padre del boss di Casapesenna, anche Michele Zagaria finirà in carcere. È tra la Sardegna e il Casertano che sono stati arrestati il fratello e il papà del super latitante Michele Zagaria.

Il blitz è scattato prima del’alba. La squadra mobile di Napoli ed il Ros dei carabinieri di Napoli, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo partenopeo, hanno arrestato affiliati e imprenditori affiliati al clan Casalesi-Zagaria, ritenuti responsabili dei reati di associazione di stampo mafioso ed estorsione. Carmine Zagaria, fratello del boss da anni ricercato insieme ad Antonio Iovine, è stato arrestato a Sassari, sul molo, vicino ad una nave in partenza per Olbia dagli agenti della Squadra mobile di Napoli e di Sassari. Era invece nel Casertano, a Casapesenna, il papà di Zagaria, Nicola. Contestualmente, i militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Napoli e dello Scico stanno eseguendo il sequestro di beni per circa 30 milioni di euro, acquisiti con gli illeciti profitti conseguiti dal clan. In totale sono state 16 le ordinanze emesse e 14 quelle eseguite delle quali due dai carabinieri e 12 dalla polizia.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci