LE TRUFFE AGLI ANZIANI – Otto persone arrestate dalla polizia perchè truffavano gli anziani in tutta Italia

Con le accuse di truffa aggravata e tentata truffa ai danni di anziani, la polizia di Firenze ha sgominato una banda di otto napoletani che, secondo le indagini, avrebbe messo a segno un centinaio di colpi ai danni di vecchietti di mezza Italia.

Gli otto sono stati arrestati in esecuzione di misure cautelari emesse dal gip di Firenze. La tattica utilizzata era sempre la stessa: un presunto computer acquistato da un figlio o un nipote, il conto non saldato e loro che si presentavano per chiedere anche 3.000 euro. Le vittime, tutte persone di oltre 75 anni, venivano avvicinate per strada, in parrocchia, presso uffici postali o ambulatori. Gli arrestati sono tutti uomini di età compresa tra i 25 e i 40 anni. Secondo quanto ricostruito dalla mobile di Firenze, la banda partiva da Napoli il lunedì a bordo di autovetture, raggiungeva città toscane, ma anche laziali o piemontesi, metteva a segno i colpi e poi rientrava a casa il fine settimana.  Nel tempo aveva affinato la tecnica. Puntava anzitutto sui modi affabili, gentili, premurosi e su un’ottima capacità dialettica. Chi agiva, in genere, era uno solo. Individuava l’anziano, lo avvicinava e lo tranquillizzava dicendo che era un amico del figlio o del nipote. Poi chiedeva i soldi. A volte, per essere ancora più persuasivo, chiamava al telefono il complice simulando di parlare proprio con il congiunto dell’ignara vittima. Gli otto erano così abili che quasi sempre riuscivano a farsi dare l’intera somma richiesta, anche accompagnando in alcuni casi la vittima fino allo sportello bancario per prelevare i contanti.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Advertisements