PARENTOPOLI A POLLENA – I “volontari” del Servizio Civile quasi tutti parenti di assessori e consiglieri di maggioranza. La denuncia dell’opposizione e de Il Cittadino

POLLENA TROCCHIA – Ormai l’hanno chiamata Pintopoli. Stamattina sulle mura cittadine, è tornata “viva” l’opposizione comunale che a mezzo manifesto ha chiesto alla maggioranza retta da Francesco Pinto chiarimenti rispetto a presunti casi di “parentopoli” all’interno della gestione delle unità di personale del Servizio Civile in forza al Comune.

L’opposizione, ormai solo del Pd, infatti denuncia la presenza di alcune figlie e figli di assessori o consiglieri comunali di maggioranza. A finire nell’occhio del ciclone i vertici della giunta Pinto non ancora uscita dallo scossone generato da un documento firmato da cinque consiglieri di maggioranza (tra cui anche il vice sindaco Giovanni Onore nella foto sopra col sindaco Pinto) contro la gestione “chiusa” dell’ex gruppo dirigente di An. Il caso di parentopoli, è stato annunciato per la verità a mezzo web da “Il cittadino”, il giornale curato da Raffaele Di Tuoro, che pubblicando una nota anonima annuncia anche i nomi degli assessori implicati nella “gestione” del servizio civile comunale. “E’ assurdo – commenta l’accaduto il coordinatore fiduciario per il vesuviano dell’Udc Raffaele Di Fiore (nella foto in alto a sinistra) – che succeda tutto ciò, specie in un periodo di crisi economica così delicata. Di civile purtroppo ormai c’è rimasto poco e il contratto governativo di un anno è diventato una mera forma di assistenzialismo. Con la crisi che c’è e Pollena Trocchia è piena di famiglie che non possono vivere e di giovani senza lavoro, l’amministrazione poteva favorire i giovani delle famiglie meno abbienti anziché sempre i soliti noti. Ma anche qui è solo una questione di stile. A riguardo, però, sarebbe interessante chiedere agli assessori e ai consiglieri comunali di maggioranza che hanno sistemato figlie e nipoti, come si presentano in piazza tra la gente, con quale dignità?”

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci