SALTA IL CONSIGLIO – Manca il numero legale, salta la seduta in Provincia. Pino Capasso (capo gruppo Pd): “Non riusciamo ad eleggere la commissione dei revisori, è assurdo”

Magari c’è chi veramente è troppo impegnato nella campagna elettorale per le regionali e magari c’è chi invece in Consiglio Provinciale non ci è andato più, dopo la seduta della proclamazione. Sta di fatto che per l’ennesima volta è saltato il COnsiglio per la mancanz a del numero legale degli aventi diritto.

Salta ancora una volta il consiglio provinciale di Napoli. E l’opposizione insorge: «Per l’ennesima volta è saltato il Consiglio Provinciale a Napoli. La maggior parte delle sedute, da quando ha vinto il centrodestra, sono andate a vuoto per la mancanza del numero legale» spiega Enzo Amendola, segretario regionale del PD Campania, «dopo l’ennesimo Consiglio non svolto a Palazzo Matteotti». «Luigi Cesaro deve dimettersi: l’amministrazione provinciale non può rimanere ingessata per colpa di una classe dirigente inadatta a ricoprire ruoli amministrativi: è chiaro che se da Roma non arrivano telefonate rimangono fermi al palo – continua Amendola -. E questo sarebbe il nuovo, il governo del fare, promesso da Cosentino, Caldoro e i suoi amici? Così pensano di voler governare anche la Regione Campania?». «Oggi per la terza volta consecutiva il Consiglio provinciale per eleggere il collegio dei revisori dei conti, per i quali sono già scaduti anche i termini della prorogatio è andato deserto». Lo dice il capogruppo del Pd alla Provincia di Napoli, Giuseppe Capasso.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci