BUSINESS E CAMORRA – Sequestrate le ville, le Ferrari e le barche faraoniche dei boss Mallardo e dell’Alleanza di Secondigliano

Smantellata un’organizzazione camorristica operante in Campania, nel Lazio in Calabria e Sardegna. Sequestrati terreni, appartamenti, società, imbarcazioni, auto, moto e rapporti bancari per un ammontare complessivo di oltre 500 milioni di euro.

77 i soggetti denunciati di cui 12 arrestati per associazione a delinquere di stampo mafioso. Impiegati 500 uomini tra Guardia di Finanza e polizia di Stato. L’indagine, durata quasi due anni, ha permesso di rilevare due holding imprenditoriali, attive soprattutto nel settore dell’edilizia, nelle Province di Roma, Latina e Napoli, gestite, direttamente o attraverso prestanome, da persone collegate al clan camorristico Mallardo attivo sul territorio del comune di Giugliano in Campania a nord della città di Napoli, inserito nel cartello criminale denominato «Alleanza di Secondigliano». Di particolare rilievo il sequestro delle aree ex Desco di Terracina e Madonna delle Grazie di Fondi, nonchè l’Hotel Orizzonte e il centro commerciale Orizzonte di Giugliano in Campania. Sequestrate anche Ferrari e yacht.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci