STRACULT – Trashopolis, sul web il meglio del peggio. Targato Ciro Ascione

C’era una volta il vhs. E le tv locali con pochi (ma improvvisati) cantanti neomelodici, urlatori di verità (Tonino O’Scienzato, cult già negli anni 80), Gennaro D’Auria e le sue previsioni azzardate. Una tv fatta con pochi soldi, espressione sociale e popolare. E oggi sul Web c’è qualcuno che racconta iol meglio del peggio, con la serietà dei reportage giornalistici.

 Questi video non sono andati nel dimenticatoio, ma Ciro Ascione (in arte Kuros) da anni e con certosina cura li “digitalizza” caricandoli prima su Youtube e poi sul suo seguitissimo blog Trashopolis. Professore di Torre Del Greco, Ciro è uno degli antesignani del web, scrittore di saggi informatici e noto “troll” (ve lo spiegheremo in seguito). Che idea ti sei fatto di questa TV che non c’è più? “Il problema è che il termine “trash”- dichiara Ciro- non riesce più ad avere una connotazione precisa. Anni fa Tommaso Labranca tentò di fornire una definizione attendibile di “trash” parlando di “emulazione fallita di modelli alti”, ma ormai la parola “trash” viene adoperata da chiunque in qualsiasi contesto. Trashopolis si occupa in prevalenza di fenomeni locali d’epoca e di film semisconosciuti, ma credo che ormai sfugga alle definizioni”. Su Trashopolis sono presenti i migliori video cult come le previsioni del mago Gennaro D’Auria e le interviste ai terremotati di Tonino O Scienzato, che nel suo linguaggio colorito denunciava la triste realtà di Pozzuoli. Purtroppo nei tg nazionali, il sito è salito agli onori della cronaca per aver pubblicato il video “O Capoclan”, sorta di elogio ad un boss, ignorando tra l’altro la fonte e senza considerare che Trashopolis faceva solo da “media”. Come dire, la realtà è questa, purtroppo. Il sito riceve circa 80mila contatti al mese, e grazie alla sua serietà con la quale tratta (e descrive) le clip, è riuscito a stabilire un ottimo rapporto con Gennaro D’Auria, con il quale ha realizzato anche degli speciali (tra cui una visita ad una chiesa sconsacrata). “Gennaro D’Auria è una persona straordinaria, dotata di un senso dell’umorismo incredibile. Credo che abbia scelto me per farsi intervistare e per realizzare i vari reportage perché si è stabilito un legame di forte empatia ed accantoniamo ogni pregiudizio,cercando inoltre di mostrare Gennaro e compagni in tutta la loro complessità”. Tornando alle attività extra di Ciro, la sua fama è schizzata alle stelle quando mise in giro la notizia della falsa morte di Margie Simpson, moglie di Homer: diversi siti di informazione riportarono l’accaduto senza verificare le fonti, ed in poche ore la notizia fece il giro del mondo. Beh, questo si chiama “Troll”. Non pensate che Ciro sia un “discolo”: ha scritto quattro libri, di cui due disponibili anche in commercio: “”Videogames” edito dalla Minimum Fax e “Troll”, entrambi su un mondo -Internet- “in cui ci sono ancora miliardi di cose da scoprire”. Per info http://www.trashopolis.it

Luigi Ferraro

redazione@loravesuviana.it

Annunci