VERSO LE REGIONALI – Maurizio Savarese è il candidato dell’Idv. “Dalla parte del consumatore e del territorio”

SAN GIORGIO A CREMANO –  Con i suoi 39 anni Maurizio Savarese è il più giovane tra i candidati alle Regionali del 28 e 29 marzo. Funzionario Asl, in quota Italia dei Valori (Idv), il suo programma è imperniato sul commercio a difesa del consumatore: collegare direttamente chi produce e chi consuma, obbligare il negoziante ad indicare il prezzo pagato al grossista, realizzare un osservatorio sui prezzi e liberalizzare i saldi.

“Sono stato il primo assessore con delega alla difesa del consumatore” dichiara Savarese riferendosi all’ esperienza di assessore al Comune di San Giorgio a Cremano “Sono convinto che i costi, dai servizi bancari alla benzina, siano troppi alti e che bisogni abbassarli per riattivare l’ economia”. Ex consigliere comunale, ex assessore ed ex vice- sindaco nella città di Troisi, ed una parentesi come consigliere provinciale deputato alla difesa del consumatore, Savarese rivendica con orgoglio la fedeltà al partito: “Sono uno dei pochi a non aver mai cambiato bandiera. Quando e se morirà l’ Idv, finirà anche la mia carriera politica”. Ma quante chance ha Vincenzo De Luca, il candidato del centro- sinistra supportato anche dall’ Idv, di aggiudicarsi il ruolo di Presidente della Regione? “Alle Provinciali il centro- destra ha sbaragliato grazie al risentimento della gente circa la vicenda spazzatura. Adesso c’è un clima differente”. La carta vincente dell’ Idv è la trasparenza “Abbiamo chiuso le liste delle candidature due giorni prima degli altri. Le liste sono state inviate alla Commissione parlamentare Antimafia. Nessun indagato o condannato tra di noi, abbiamo la certificazione antimafia. Gli altri partiti possono dire lo stesso?”. Maurizio Savarese non ha in testa però soltanto le Regionali. Un altro progetto sta prendendo forma:  “Voglio realizzare il partito dei consumatori, un partito degli utenti preso da una costola dell’ Idv. Ne ho già parlato anche a Di Pietro. Oggi l’ ideologia in politica sta venendo meno, non ha più senso la tradizionale distinzione tra centro- destra e centro- sinistra”.

Ilaria Campanile

redazione@loravesuviana.it

Annunci