A COME AMIANTO – A San Giorgio a Cremano una petizione del Comitato Civico per i test dell’amianto nell’ex fabbrica dei frigoriferi

SAN GIORGIO A CREMANO – Si è tenuta giovedì 25 febbraio la Conferenza stampa organizzata dal Comitato Cittadino di San Giorgio a Cremano in Villa Vannucchi su “A Come Amianto”, Il Killer Silenzioso. Fabbrica dei veleni a San Giorgio a Cremano? Qual è la verita’? Scopo della stessa era quello di lanciare una petizione popolare per ottenere informazioni riguardanti lo stato di degrado e la verifica per eventuale presenza di amianto nell’ex fabbrica dei frigoriferi sita in corso Umberto a San Giorgio a Cremano.

I cittadini a seguito di un’istanza presentata al Sindaco di San Giorgio a Cremano, all’Assessore all’ambiente di San Giorgio a Cremano, all’Arpac,all’Aslna3Sud – alla quale non è stato ancora dato alcuna risposta –  hanno deciso di far partire da San Giorgio una raccolta firme che vuol essere innanzitutto una sollecitazione, ed una richiesta al diritto alla tutela della salute e del diritto all’informazione da parte di chi ci amministra. Dopo la proiezione di foto e del video in cui si vede dal satellite la ex fabbrica da varie prospettive, e si ascoltano le interviste dei cittadini che lamentano le loro richieste disattese e le loro preoccupazioni, sono stati ascoltati  i relatori. L’avvocato Eugenio  Diffidenti coordinatore regionale del Movimento difesa del cittadino, da sempre al fianco  del Comitato, ha espresso pieno sostegno e collaborazione per  quanto verrà fatto, anche perché i danni dovuti dall’inalazione d’amianto sono gravi ed improvvisi, così come egli stesso raccontava di un suo familiare morto per mesotelioma. L’avvocato Vittoria Operato , grazie alla quale è stato redatto il testo della petizione e che si impegna seriamente per la causa, ha poi spiegato l’iter da seguire e la necessità di verificare sul luogo la reale presenza dell’amianto, per poi agire di conseguenza. Infine l’avvocato Danilo Risi, dell’Associazione Giuristi Democratici, ha fatto un aggiornamento sul maxi processo che si celebra a Torino, in difesa delle vittime dell’amianto, e che vede impegnata la sua Associazione a livello nazionale. Vivo è stato il dibattito che ne è seguito, molte le domande e gli interventi in sala. Già duecento firme sono state raccolte in poche ore. Primi firmatari il presidente Comella, oncologo del Pascale e l’avv. Coccia di Giuristi Democratici. Di certo da tutti è stato rilevata l’inadempienza di chi, dopo più di due mesi dalla lettera di segnalazione, e da circa due mesi dall’istanza di cui sopra, non ha ancora rispettato una richiesta urgente e significativa da parte dei suo concittadini, che preoccupati, altro non chiedono alle istituzioni preposte al caso, se non che venga verificata la eventuale  presenza di amianto in quell’edificio, e nelle zone circostanti. Tra i presenti vari rappresentanti della stampa, della giustizia e dell’associazionismo, ma anche dei giovani giornalisti,che nelle due scuole adiacenti la ex fabbrica hanno studiato Oggi il Liceo scientifico Urbani è stato dislocati, ma restano comunque funzionanti i due edifici che ospitano la Scuola della prima infanzia ( materne,elementari e medie).

COMITATO CITTADINO SAN GIORGIO A CREMANO

http://www.comitatocittadinosangiorgioacremani.it

Annunci