TOPONOMASTICA SOCIALE – L’Associazione Trio Italia Onlus, propone di dedicare una strada di Napoli agli eroi ignoti che donano gli organi

“La vita legata ad un filo” ..… è proprio così per tante persone in attesa di un trapianto, che  aspettano una chiamata, e che volte grazie a dei donatori anonimi  riescono a vivere . E’ a questi “eroi” ignoti che l’associazione Trio Italia onlus, organizzazione internazionale dei trapiantati, chiede di dedicare una via di Napoli.

“Del mio donatore non conosco il nome, né la provenienza, so solamente che è un fratello di colore che, dal Paradiso, con segnali sempre più intensi, rischiarò il mio cammino quotidiano” è quanto afferma Egidio De Luca, Presidente dell’Associazione Trio Italia onlus, lui stesso trapiantato di fegato 17 anni fa. La lista di gente in attesa di un trapianto, è lunghissima, e come di recente ha affermato il Professor Fulvio Calise, bisogna attivare ogni energia per lanciare una grande campagna per la donazione di organi,  viste le grandi potenzialità che ci sono  proprio in Campania  e grazie al lavoro che per esempio si svolge al Centro trapianti del Cardarelli. La Trio Italia Onlus  (www.trioitalia.org) fondata dai genitori del piccolo Nicholas Green che anni fa assurse agli onori della cronaca perché grazie alla loro generosità ben sette persone sono tornate a vivere, intende coinvolgere le istituzioni per avere una legge equa sulla donazione, in nome dei valori etici, morali e cristiani. La cultura della donazione, deve diffondersi senza distinzioni di razza, religione e condizione sociale. Attualmente, il presidente Egidio De Luca, anche tramite il sito www.videocomunicazioni.com  lancia un appello che renda onore e merito ai donatori silenziosi che nel riserbo e nel silenzio donano e salvano le vite umane. “Parchi, piazze e vie sono state intestate ai donatori noti come Nicholas Green e Marta Russo, ma una via di Napoli chiediamo di intitolarla ai donatori anonimi, veri eroi per tanti italiani che vivono aspettando una telefonata”.

Vera Terracciano     

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci