POLITICA E SVILUPPO – Conflomer, parte dagli imprenditori l’appello al Comune id Marigliano per il rilancio della filiera florovivaistica

“Faccio appello al Comune di Marigliano e alla Regione Campania affinché si convochi al più presto un tavolo di confronto sulla nascita della città del florovivaismo a Marigliano: un progetto da cento milioni di euro su un’area di 40 ettari che potrà dare lavoro a oltre 2000 addetti”. Lo ha detto oggi il presidente del Conflomer, Consorzio per lo sviluppo del florovivaismo del mezzogiorno, Salvatore Colonna, nel corso di una conferenza stampa convocata per risolvere lo stop improvviso del progetto dovuto al ricorso al Tar presentato dal Comune di Marigliano.

La vicenda risale a qualche anno fa quando fu presentato dalla Regione Campania il piano per la realizzazione della Città del Fiore una piattaforma logistica a sostegno delle imprese del settore che doveva nascere nell’area Pip di Marigliano. I fondi per il progetto sono di provenienza europea, tuttavia dopo un primo studio di fattibilità e alcune riunioni relative al progetto, il nuovo sindaco di Marigliano, Antonio Sodano, ha presentato un ricorso al Tar per bloccare l’iter procedurale lamentando scarso coinvolgimento istituzionale e mancate comunicazioni in merito al progetto stesso. Il Conflomer e tutto il settore che rappresenta ha chiesto quindi che si faccia chiarezza sull’assegnazione dell’area e sulla fattibilità del progetto ventilando anche l’ipotesi di potere accogliere richieste da altri comuni del vesuviano che hanno a disposizione aree sufficientemente grandi per costruire la città del florovivaismo. “E’ un’occasione che non possiamo farci sfuggire – ha spiegato Ferdinando De Notaristefani, direttore del Mercato dei fiori di Ercolano – perché è a rischo il reddito di 20 mila famiglie specialmente in un momento di crisi economica globale”. Il sindaco di Marigliano, Antonio Sodano, incontrando i vertici del Conflomer ha ribadito “la necessità di maggiore chiarezza sul progetto”. Sodano punta il dito contro la Regione Campania che ha bandito una gara internazionale per lo studio di fattibilità e del progetto prelimnare senza, a suo dire, tenere presente studi esistenti redatti dall’agenzia nolana per lo sviluppo. Sodano dunque vuole un incontro con l’assessore all’Agricoltura Gianfranco Nappi. “Assumiamo la disponibilità del sindaco di Marigliano a riaprire un confronto serio e costruttivo con la Regione Campania, confronto che era stato chiuso unilateralmente dallo stesso Sodano con il ricorso al Tar” ha detto Sebastiano Sorrentino presidente dell’VIII commissione del consiglio regionale.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci