I CANCELLI DELLA MEMORIA – A Somma Vesuviana si ricorda la Shoah

SOMMA VESUVIANA – I giovani di Somma Vesuviana ricordano la Shoah.  Domani 27 gennaio alle ore 10,30 presso l’Auditorium dell’Istituto Montessori, ubicato in via Marigliano, 140, una rappresentanza di alunni di ogni ordine e grado scolastico parteciperà all’iniziativa “I Cancelli di Auschwitz”.

All’incontro, promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, prenderanno parte il sindaco di Somma Vesuviana Raffaele Allocca, assessori e delegati dell’amministrazione, tutti vicini al dramma storico dello sterminio di massa degli ebrei nei campi di lavoro nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Per la prima volta tutti gli istituti scolastici di Somma Vesuviana si confronteranno utilizzando, come prima occasione, l’incontro-dibattito sulla Shoah coadiuvato da immagini, video e approfondimenti. “Ci riuniremo all’auditorium multimediale per celebrare la “Giornata della memoria” onde non dimenticare lo sterminio degli ebrei, dei deportati politici, militari e  civili a danno dei quali la follia psicopatica e deviante di Hitler e dei suoi diabolici seguaci, con le marce della morte , con modalità tecnologicamente e scientificamente volute, realizzarono la “soluzione finale”. Ai rigurgiti di delirante tentativi nazisti e terroristici, opponiamo la cultura della pratica e della tolleranza, del rispetto e della solidarietà.” Così il dirigente scolastico dell’Istituto Montessori Prof. Alessandro Scognamiglio ha comunicato agli allievi lo spirito di approfondimento con cui va affrontato l’incontro e ha continuato: “Coltiviamo, pertanto, gli ideali e i valori umanizzanti. Riflettiamo con sconcerto e raccapriccio sui dissennati comportamenti dei nazisti e dei grandi criminali di guerra che si lasciano guidare patologicamente da disegni apocalittici di sadica soddisfazione nel decretare la soppressione di milioni di uomini e la distruzione dell’ordine , della pace e della serenità a vantaggio del proprio regime, che costruiscono mediante le più diaboliche macchine di morte. Abituiamoci ai valori additatici dai martiri dell’olocausto i quali, con il loro esemplare eroismo, ci invitano a costruire un nuovo umanesimo fondato sulla sacralità e rispetto della dignità della persona, per la cui difesa siamo tutti obbligati ad impegnarci nella lotta alla cultura della guerra, del terrore, dell’estremismo, del fondamentalismo sanguinario e della tirannia in genere. Teniamo sempre presente che costruire un’atmosfera autentica di concordia, di apertura, di comprensione e solidarietà è il destino autentico ogni uomo nel mondo. Perciò manterremo vivo il ricordo dell’olocausto per operare affinché la folle tirannia del passato non si trasformi in tragedia annunciata del futuro”. Il coro della Chiesa di S. Michele e Emanuela Vacca interpreteranno i brani più noti e significativi legati alla tradizione canora ebraica… per non dimenticare.

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci