GIORNALISMO MILITANTE – La memoria di Anna e delle altre “voci solitarie”. A Villa Bruno, concerti e tavole rotonde sull’informazione

SAN GIORGIO A CREMANO – Un ricordo della giornalista russa è quanto propone l’amministrazione comunale di San Giorgio a Cremano – Assessorato alla Partecipazione e alle Politiche Giovanili – per celebrare la Giornata della Memoria di mercoledì 27 gennaio. Si intitola ‘Anna Politkovskaja: concerto per voce solitaria’ lo spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Ferdinando Maddaloni che sarà in scena, alle ore 18, nella biblioteca di villa Bruno, in via Cavalli di Bronzo.

Prodotta dall’associazione Angus 89 di Roma, la messinscena rende omaggio alla figura della giornalista russa Anna Politkovskaja, assassinata a Mosca in circostanza ancora da chiarire il 7 ottobre 2006. L’allestimento propone un intervento a più voci che, oltre allo stesso Maddaloni, impegna l’attrice Carmen Femiano ed il cantautore Nicola Dragotto, autore anche delle musiche originali eseguite dal vivo insieme a Vittorio Cataldi (violino e fisarmonica). Il singolare spettacolo combina cronaca, cinema, teatro e musica e spazia dal genere del teatro canzone alla satira, realizzando un’attenta riflessione sulla necessità di ricordare e sostenere quanti, ad armi impari, si battono quotidianamente in tutto il mondo per la libertà.  “Si tratta – spiega Ferdinando Maddaloni – di un percorso drammaturgico che, a partire dal dramma umano della Politkovskaja cerca di scuotere soprattutto le giovani coscienze dei ragazzi, talvolta intorpidite da un sapiente e strumentale uso dei mezzi di comunicazione che trasforma il legame tra arte ed informazione in una deleteria informazione ad arte’. Lo spettacolo è parte integrante di ‘Per non dimenticare Anna Politkovskaja’, progetto multidisciplinare di cinema, teatro e musica ideato da Ferdinando Maddalani e dedicato alla figura della coraggiosa fotoreporter che nei suoi articoli pubblicati per il quotidiano Novaja Gazeta “scriveva quello che vedeva”. In particolare, nelle inchieste sulla Cecenia condannava apertamente il governo russo per il mancato rispetto dei diritti civili. Lo spettacolo è stato selezionato dalla rassegna regionale per le nuove generazioni Teatri della Legalità che lo ha programmato nei teatri di Salerno, Eboli e Pompei in occasione del terzo anniversario della morte di Anna Politkovskaja. Ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Info: 081 5654354

L’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci