PARTONO GLI ABBATTIMENTI – Anche nel vesuviano le ruspe per buttar giù le costruzioni abusive

da archivio: il colonnello Maruccia e Tommaso Sodano (Prc)

da archivio: il colonnello Maruccia e Tommaso Sodano (Prc)

Demolizione. Abbattimento. Ruspe e macchine enormi in campo per distruggere le costruzioni abusive. Pronti a buttarli giù. Manufatti abusivi individuati dalla magistratura e destinati ad essere demoliti. All’inizio della prossima settimana, la Procura Generale di Napoli darà il via agli abbattimenti. Sono infatti stati conferiti tutti gli incarichi alle ditte, dunque si può procedere.

Sotto il profilo dell’ordine pubblico, sono stati mobilitati polizia e carabinieri. Stando a quanto apprende l’agenzia Il Velino, le ruspe entreranno in azione scortate, in tre comuni che fanno parte della lista generale degli abbattimenti. Gli interventi infatti sono stati programmati una volta a settimana fino a fine novembre. Ecco l’elenco completo dei comuni su cui interverrà l’azione demolitrice della Giustizia: Casola, Napoli, Afragola, Pompei, Pimonte, Gragnano, S. Maria La Carità, S.Antonio Abate, Lettere, Cardito, Massa Lubrense, Forio d’Ischia, Procida, Villaricca, S. Antimo, Capri, Pozzuoli, Somma Vesuviana, Villa Literno e Casal di Principe.  In alcuni di questi territori, si stanno tenendo in queste ore riunioni volte ad organizzare un presidio di resistenza. La situazione è molto delicata visto che gli abbattimenti obbligheranno molti nuclei familiari ad abbandonare le proprie abitazioni. Alla Procura Generale di Napoli, è giunto nei giorni scorsi un dossier che elenca quanti bambini e quanti diversamente abili sono presenti nei manufatti che dovranno finire sgretolati. È stato il tentativo in extremis di fermare gli interventi, ma non è servito. Saranno i sindaci, come stabilito per legge, a garantire una sistemazione alle fasce deboli.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci