AGENDE CONTRO-CORRENTE – La Gesco presenta Agendo, contro le diseguaglianze, per l’integrazione

clandestinità

NAPOLI – «É una sfida sulla comunicazione per valorizzare il contributo straordinario di tante storie che hanno un impatto sociale, culturale ed economico». Sergio D’Angelo, presidente dell’associazione Gesco impegnata nel sociale a Napoli, presenta così l’agenda 2010 dedicata quest’anno agli immigrati.

«L’immigrazione è emblematica di una visione politica che ha legato questo tema a quello della sicurezza, strumentalizzando anche quel senso di paura che ha fatto sì che i partiti nelle ultime elezioni raccogliessero grandi consensi. E questa non è semplicemente un’agenda, ma un modo per ricordare tante vite che ogni giorno costruiscono la nostra storia», spiega D’Angelo. Curata da Guido Piccoli, l’agenda Gesco 2010 (nome proprio «Agendo») contiene 12 fotografie del napoletano Marti Errichello che accompagnano altrettante storie di clandestinità raccontate dai diretti protagonisti. Dodici storie da 12 paesi diversi raccolte nell’agenda, il cui ricavato, per il 20%, sarà devoluto alla famiglia di Petru Birlandeanu, il musicista rom, vittima casuale a maggio scorso di un agguato di camorra nel quartiere di Montesanto. L’agenda è stampata in 5mila copie, distribuita nelle principali librerie e in edicola con la rivista Carta. È in tre colori, arancio, nero e viola, e in due versioni, settimanale e giornaliera.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@loravesuviana.it

Annunci