INFLUENZA A – Parte la task force della Regione: l’informazione inizia dalle scuole

influenza a

Prevenire e informare e si partirà dalle scuole: questa la missione dell´unità di crisi organizzata dall´assessorato alla Sanità della Regione Campania, riunitasi nella sede dell´ordine dei medici di Napoli.

“Abbiamo in programma un progetto per informare docenti e studenti nelle scuole – ha detto l´assessore alla Sanità Mario Santangelo, intervenuto alla riunione – Siamo vigili e severi, ma non c´é alcun rischio per la salute dei cittadini. Ho piena fiducia nei medici della nostra regione”. Assieme all´assessore Santangelo, sono intervenuti i presidenti degli ordini dei medici di Napoli Gabriele Peperoni, di Avellino Antonio D´Avanzo, di Benevento Vincenzo Luciani, i vicepresidenti di Caserta Federico Iennicelli, di Salerno Giovanni D´Angelo e il coordinatore dell´unità di crisi della Regione Renato Pizzuti. “Oggi ho avuto un incontro con il direttore dell´Ufficio scolastico regionale Alberto Bottino e abbiamo deciso di divulgare materiale informativo, brochure e locandine nelle scuole tra docenti e studenti – ha aggiunto Santangelo – L´unità di crisi è già operativa e sarà composta da un pool di esperti presi dalle istituzioni, dalle strutture sanitarie e dalle strutture universitarie”. “L´unità di crisi monitorerà tutto l´andamento del virus – ha detto il presidente dell´ordine di Napoli Peperoni – Punteremo soprattutto alla prevenzione con una campagna informativa e con le vaccinazioni. Presto dovrebbero arrivare 800.000, 850.000 dosi di vaccino e in base alle priorità decideremo come distribuirlo”. Secondo quanto emerso nella riunione operativa di oggi, la Regione e gli ordini provinciali dei medici stanno individuando delle strutture sanitarie nelle quali verranno indirizzati i pazienti con sospetti casi di contagio da virus H1N1N. Queste persone eviteranno di andare a congestionare i grandi ospedali o gli ospedali specializzati. Sempre per evitare la ´corsa all´ospedalé, l´unità di crisi sta preparando delle linee guida per medici di base e pediatri, fondamentali nel sistema organizzativo messo in campo dall´unità di crisi. Chi infatti avverte i primi sintomi dell´influenza A dovrà rivolgersi a loro per una prima diagnosi. Tra le altre iniziative che potrebbero essere messe in campo per informare i cittadini, un numero verde e spot tv.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@edizionidelvesuvio.com

Annunci