OPERAZIONE MARE – C’è una data: entro il 2011 dal litorale vesuviano saranno eliminati tutti gli scarichi abusivi

scarichi abusivi

(da http://www.ilmattino.it) L’obiettivo era chiaro da tempo: restituire alla balneabilità il Golfo di Napoli. Adesso c’è anche una data: il 2011, anno entro il quale dovranno essere portati a termine i progetti principali per eliminare dal litorale vesuviano dagli scarichi abusivi.

Una missione che solo qualche anno fa sembrava impossibile. Non fosse altro che per lo stato drammatico in cui versavano le acque del Golfo, infestate da decenni di scarichi fognari incontrollati e da una politica che aveva consentito uno scempio al quale sembrava difficile porre rimedio. Poi è arrivata la svolta a cominciare dai tre progetti che hanno segnato l’inversione di tendenza: la canalizzazione del sistema fognario di Torre del Greco, l’attivazione della rete di collettamento del sistema di Ercolano e il completamento dell’analogo sistema di Portici. Grandi opere di ingegneria che hanno portato al censimento e alla eliminazione di innumerevoli scarichi abusivi ed alla canalizzazione degli altri verso i collettori principali collegati agli impianti di depurazione. Il tutto riducendo al minimo l’impatto ambientale, come a Portici, dove la razionalizzazione del sistema fognario si è sposata con la parallela realizzazione di una «passeggiata a mare» per la copertura del mega-collettore, modificando completamente la linea di costa. E tutto questo col placet degli ambientalisti che hanno visto coniugare il ricorso al cemento lungo il litorale con una scelta ecologista e di ampio respiro. La speranza e l’impegno per serrare i tempi di completamento dell’opera traspare chiaramente dalle parole del presidente dell’ente d’Ambito Mario Sorrentino, intervenuto a margine di una iniziativa lanciata dalla Gori: «La campagna di sensibilizzazione – dice il presidente dell’ente d’ambito Mario Sorrentino – è solo l’ultimo tassello di un progetto che ci vede ovviamente impegnati in prima linea e ha come priorità la tutela ambientale e quindi la salvaguardia del bene del mare. Da qui al 2011 sarà cura di questo ente seguire con attenzione il completamento integrale e gli obbiettivi posti a base del progetto di disinquinamento del golfo di Napoli: il completamento del depuratore di Punta Gradelle – prosegue Sorrentino – il collettamento dei rifiuti del comune di Sorrento, la canalizzazione del sistema fognario di Torre del Greco, l’attivazione della rete di collettamento del sistema di Ercolano e il completamento del collettamento di Portici». Commenti positivi anche dalle amministrazioni locali coinvolte nei progetti: «Accogliamo con soddisfazione l’impegno assunto dal presidente Sorrentino – ha spiegato il sindaco di Portici, Enzo Cuomo, responsabile provinciale dell’Anci – le nostre amministrazioni hanno puntato molto sui progetti di sviluppo della fascia costiera che non possono prescindere dal disinquinamento delle acque e dalla restituzione alla balneabilità dei nostri mari, che resta il nostro obiettivo prioritario».

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@edizionidelvesuvio.com

Annunci