ACCORDO DI RECIPROCITA’ – Siglata l’intesa Regione-Comuni per le aree sottoutilizzate

l'assessore regionale al bilancio Mariano D'Antonio

l'assessore regionale al bilancio Mariano D'Antonio

La giunta regionale della Campania ha approvato un disciplinare per gli accordi di reciprocità previsti nel programma d´attuazione regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate (Fas) della Campania.

Gli accordi di reciprocità – spiega una nota – sono uno strumento innovativo della programmazione regionale campana. Sono accordi negoziali tra la Regione e gruppi di comuni aggregati nei sistemi territoriali di sviluppo (Sts) individuati nel piano territoriale regionale approvato dal Consiglio con legge nell´autunno scorso. La novità degli accordi di reciprocità consiste nell´essere il primo, organico strumento di devoluzione a raggruppamenti di comuni di poteri, progettazione, finanziamento e gestione degli interventi di sviluppo territoriale. Il disciplinare approvato dalla giunta prevede che i comuni interessati diano vita ad un organismo intermedio di coordinamento, il partenariato istituzionale locale, che elabora un programma di sviluppo del territorio, lo candida all´accordo di reciprocità con l´amministrazione regionale e ne sorveglia l´attuazione. L´organo esecutivo incaricato di realizzare operativamente il programma sarà invece un soggetto gestore dotato di poteri tecnico-amministrativi quale stazione appaltante unica, impiegando le risorse finanziarie ad esso trasferite dalla Regione nonché altre risorse attinte da soggetti privati, fino alla loro rendicontazione. Il soggetto gestore realizzerà le infrastrutture utilizzando per queste opere gran parte dei finanziamenti (circa due terzi) e destinando le risorse residue ad altri interventi materiali ed immateriali (aiuti alle imprese, formazione, ricerca e sviluppo). Il soggetto gestore dovrà assicurare anche la gestione di tutte le opere realizzate per almeno dieci anni dalla data di ultimazione delle stesse. Il programma attuativo del Fas regionale ha previsto per gli accordi di reciprocità una dotazione finanziaria di 500 milioni di euro. “E´ un primo passo – sottolinea il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino – verso un´autentica devoluzione. Trasferiamo infatti ai comuni della Campania poteri, responsabilità, risorse finanziarie e gestione diretta degli interventi per realizzare un programma di sviluppo territoriale”, conclude il presidente Bassolino. “Dopo aver tracciato – aggiunge l´assessore al Bilancio Mariano D´Antonio – le grandi coordinate delle strategie di programmazione, diamo adesso agli enti locali uno strumento importante per fare sviluppo. Si tratta di un innovativo salto di qualità, che valorizza al meglio il partenariato istituzionale locale”.

l’Ora Vesuviana on-line

redazione@edizionidelvesuvio.com

Annunci